Alfa Romeo 6C 2500 SS di Blue Moon

Testo e foto di Andrea Rossignoli

Oggi parliamo di Blue Moon: sottomarchio BBR appena nato con la prima riproduzione in catalogo, l’Alfa 6C 2500 SS. Il modello è declinato in numerose varianti di colore e versione nelle scale 1/43 ed 1/18 (entrambi in resina) per un totale di 19 referenze. Incuriosito dalla novità ho optato per la Cabriolet del 1949 S7N 915870 targata Palermo ma attualmente proprietà di un collezionista olandese con il quale partecipa a numerose gare e manifestazioni (si può osservare verso la fine della pagina http://www.coachbuild.com/index.php?option=com_gallery2&Itemid=50&g2_itemId=19622) . E’ da notare come il concept della nuova linea del marchio di Saronno sia creato qui in Italia mentre la produzione sia appaltata ad una ditta cinese.

Innanzitutto il packaging: nonostante la grafica sia simile la forma si distingue dalle classiche scatole BBR passando a linee tipiche nel mondo dei diecast sebbene il cartone sia leggero e poco gradevole al tatto. Al contrario la basetta e la teca sono in linea con la casa madre: la differenza è composta dalla targhetta identificativa piuttosto sobria. Il modello in sé presenta delle ottime linee che trasmettono l’eleganza delle Alfa dei tempi andati, di pari passo la verniciatura che copre senza soffocare le pannellature. I pochi ed essenziali fregi sono correttamente riportati tramite fotoincisione come anche le maniglie e le prese d’aria per il motore. Se la tecnica si addice allo scudetto centrale, finemente intagliato, lo stesso non si può dire per le altre quattro prese d’aria presenti: in particolare le due inferiori mancano di profondità. Rimanendo sul frontale si apprezzano le luci di posizione-frecce sebbene anch’esse siano fotoincise mentre risultano poco veritiere le calotte dei fari principali in quanto manca totalmente la bombatura. Passando al posteriore si fa apprezzare la targa in fotoincisione dipinta per i caratteri in rilievo nonostante gli stessi siano argento e non bianchi come dovrebbero. D’aspetto molto economico i fanalini posteriori cromati e dipinti di rosso trasparente: due gemme non avrebbero guastato. Per concludere l’analisi esterna, le ruote che hanno un bel disegno del cerchio (con marchio Alfa in decal) e del battistrada ma purtroppo il diametro è troppo elevato.

Gli interni più visibili sono una delle scelte che mi hanno portato a scegliere la Cabriolet (assieme al fatto che la coupè è stata fatta uscire in oro, secondo me poco adatto al modello) . Purtroppo uno degli elementi più importante, il volante, è riprodotto tramite (ancora loro!) fotoincisione ed i risultati… li lascio al vostro buon gusto!! Oltretutto le razze avrebbero dovuto essere circolari per cui è proprio fuori luogo. Ciò è un peccato perché i sedili e la copertura della capote presentano le striature della pelle/sky aumentando il realismo. Il cruscotto è riprodotto tenendo d’occhio i costi (solo il posacenere e le bocchette dell’aria sono riportati) ma alla fine il risultato è accettabile. Nota negativa la strumentazione con le decals ruotate entrambe di 90°: la cosa particolare è che il fatto si riscontra anche in altri modelli in vendita on line.

In conclusione, promossa? Questa prima referenza di Blue Moon si caratterizza per il prezzo ridimensionato rispetto all’usuale BBR (l’obbiettivo, raggiunto, era rimanere nei 100 € per gli 1/43 e nei 200 per gli 1/18) mentre la qualità si stabilizza su quella di un resincast ben fatto. A questo punto ci si chiede se, sforzandosi, si sarebbe potuto produrre una linea simile in Italia fornendo un valido concorrente ai giganti orientali e rinnovando la tradizione artigianale del Bel Paese. Purtroppo la domanda non ha ancora trovato risposta.

5 pensieri riguardo “Alfa Romeo 6C 2500 SS di Blue Moon

  1. Domanda: rispetto a un Neo (credo il marchio più assimilabile come tipologia di modelli) vedi differenze o un livello migliore? Perché dalla tua dettagliata analisi (il modello non l'ho visto dal vivo ma mi attira) sembra di dedurre che il costo è nei limiti del centone, sì, ma… con manodopera cinese.I direttti concorrenti di Gamma, per esempio, fanno ancora tutto in Italia?Ecco un altro confronto proponibile, visto anche il loro catalogo di montati nello stesso range di prezzo.

    "Mi piace"

  2. Alle altre domande penso che Andrea saprà rispondere meglio di me, visto che ha sotto mano il modello; per quanto riguarda Gamma, posso dirti che per quanto io ne sappia, fanno ancora tutto a Roma.

    "Mi piace"

  3. @Casper: ti dirò, rispetto ad un Neo non ci siamo proprio del tutto: sarà perchè l'auto è di per se semplice, senza molte decorazioni o elementi complicati, ma per arrivare a quella qualità manca ancora qualcosa. Il paragone con Gamma mi sembra più appropriato anche se l'assemblaggio e la verniciatura sono migliori. Un punto a favore del Blue Moon sono sicuramente gli interni che, volante a parte, sono più da Neo che da Gamma.@Alf: grazie 😉

    "Mi piace"

  4. Considerazioni sparse: non ci sono elementi complessi né numerose fotoincisioni (parliamo di un cabriolet farina anni Cinquanta di linea purissima ed essenziale). Andrea parla di buona verniciatura e buon assemblaggio: quindi il costo di manodopera potrebbe essere inferiore da un lato (applicazione fotoincisioni) elevato dall'altro (cura nella finitura). Buon livello di dettaglio degli interni (importantissimo in un modellino di cabriolet) con qualche ingenuità (volante fotoinciso…) e un errore probabilmente dovuto alla standardizzazione delle parti accessorie (ruote troppo grosse). Resta però l'impressione che, per essere un prodotto engineered in Europe e Made in China (come i Neo, i Silas, gli Spark) il costo sia un po' alto.Direte che sono un pitocco. No, semplicemente considero il rapporto qualità/prezzo fondamentale per la collocazione di un prodotto come questo sul mercato, considerando che tratta di una categoria (gran turismo anni Cinquanta) di nicchia nella nicchia!Grazie ad Andrea per la sua analisi precisa e competente.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: