Rassegna stampa: Modelli Auto n. 139 (primo trimestre 2020)

Ha senso andare avanti con rubriche come \”rassegna stampa\” in un periodo in cui il mondo (o una vecchia idea del mondo) sembra in procinto di collassare su se stesso ogni giorno che passa? La risposta è difficile. Ad ascoltare il \”canale unico\” italiano – credete ancora alla pluralità d\’informazione? – siamo alle soglie della catastrofe. Forse sì, forse no; fatto sta che in passato l\’uomo ha subito crisi ben peggiori di questa, solo che non ce ne ricordiamo. E poi cosa dovrebbero dire i dinosauri? Quelli mica te la raccontano, oggi.

Il numero 139 di Modelli Auto, nato e pubblicato in piena era Covid-19, è un signor numero e scusate se lo dice uno che fa parte della squadra dei collaboratori, ma quando ci vuole ci vuole. Non è un momento facile, a meno che non abbiate investito buona parte dei vostri patrimoni in carta igienica, in bitcoin o in armi.

La chiusura dei negozi è una mazzata per molte delle riviste specializzate, e meno male che ci sono le edicole aperte. Gli abbonati stanno ricevendo Modelli Auto in questi giorni, ed è davvero – come dicevo – un numero ricco. Il nostro Bruno Boracco si è come al solito smazzato Norimberga, accompagnato dal Gianfranco Berto, l\’editore, armato di macchina fotografica. Affrontare Norimberga non è semplice: bisogna scarpinare e parlare con tremila persone se si vuole tirar fuori qualcosa di originale che non sappia di comunicato stampa. Molta parte della rivista è occupata dalla Toy Fair 2020 (miracolosamente scampata al ciclone coronavirus) ma non è che il resto dei contenuti sia un mero riempitivo, anzi. Troviamo le solite puntuali e competenti recensioni di Umberto Cattani, la tecnica e alcuni speciali come l\’articolo dedicato a Paolo Mazzoni, creatore del marchio Fast by Ciemme43.

A proposito di tecnica, gustoso il WIP di Alessandro Prini, settima parte di una serie di montaggi dedicati ai protagonisti della Trento-Bondone: stavolta tocca alla Giannini 650NP di Maurizio Leonardelli, elaborazione su base Tamiya. Piero Tecchio completa con ulteriori foto il resoconto del lavoro di Chan Rosso sulla Ferrari 250 GTO di AMR. E non è finita qui: Modelli Auto si conferma un ottimo mix e una delle riviste più varie sulla scena. E siamo sicuri che sconfiggerà anche il Covid-19.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: