Heller, Spark e la Matra di Formula 3: una recensione (parecchio semplificata) sul filo della memoria

Da sempre appassionato delle formule minori degli anni settanta e ottanta, provo meno attrazione nei confronti di quelle degli anni cinquanta e sessanta. Eppure di storia ne hanno fatta, ma è essenzialmente un fatto personale. Esistono però delle eccezioni che confermano la regola. Tra queste il ricordo del kit Heller in scala 1:24, acquistato in Svizzera nel 1984 o nel 1985, della Matra MS5 di Formula 2. 

Pensavo di aver preso una F.1, ma poi a casa mi accorsi che era una F.2. Questo rendeva il modello ancora più esotico. Sì, esotico e anche immontabile. Una roba inaffrontabile, almeno per un quattordicenne la cui esperienza si limitava a qualche kit Solido e a una serie di speciali che richiedevano tecniche del tutto differenti, che peraltro non padroneggiava nemmeno completamente. Non so dove e come finì quel kit ma da quel momento ogni volta che vedo una Matra MS5 si accende una di quelle lampadine che gli appassionati conoscono bene. 


In realtà la MS5 è passata alla storia per i suoi exploit di F.3 e per essere pignoli le versioni di F.2 dovrebbero chiamarsi MS6, ma poco importa. Il fascino della prima Formula 3 lo sentii di nuovo una ventina di anni fa, quando Michel Delannoy ripubblicò, in francese in due volumi i ricordi dI Joerg Dubler: una rievocazione colorita e mai banale dei primi anni della F.3, quella con i motori da un litro. 


E riecco la Matra-Ford MS5, stavolta proposta da Spark (ti pareva…). Avendo avuto una lunga e intensa carriera, è stato facile moltiplicare le versioni, sia nella serie standard sia nell\’edizione per l\’importatore francese, limitate e numerate. Credo che con modelli come questo Spark dia ancora il meglio di sé. Come ho scritto a proposito della Lola Mk.6 di Le Mans 1963, la semplicità, l\’esattezza e la pulizia di montaggio fanno di questi modelli una vera e propria alternativa ai \”veri\” speciali. 

Non è sempre il caso e abbiamo visto anche di recente come sia facile prendere strade che neanche tanto alla lunga portano lontano dagli intenti iniziali. La Matra di Spark è un modello \”sano\”, di quelli che diresti montati da qualcuno che ci sa fare, magari con qualche concessione ma fondamentalmente dotato di un equilibrio e – diciamolo pure – di una bellezza che si vorrebbe da un prodotto di questo genere. La Matra MS5 di Spark tradisce, è appena il caso di ricordarlo, la provenienza Tenariv. Del resto, Viranet in Cina non è certo andato a fare il turista. La versione di queste foto è uscita da pochissimo: è la vettura ufficiale, vincitrice con Roby Weber alla Coupe du printemps a Nogaro nel 1967. Catalogo SF188, edizione francese limitata a 300 esemplari numerati. 



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: