La leggenda metropolitana delle seconde scelte: un tentativo di spiegazione



Una delle leggende metropolitane che si sentono in giro alle borse (o almeno quando c\’erano), sui forum o peggio sui social è quella dei rivenditori che ti affibbiano modelli di seconda scelta a prezzo pieno. Una leggenda che girava all\’impazzata nel periodo in cui Minichamps andava per la maggiore e che oggi ritrovi pari pari a proposito di Spark. Spesso queste dicerie sono messe in giro da gente che non ha mai avuto a che vedere direttamente coi produttori e che quindi non ha la minima idea di come lavorano e che nel migliore dei casi è disinformata e nel peggiore è in malafede per ragioni proprie. Prendiamo il caso di Spark: prima di tutto, il più alto prezzo di vendita nei confronti della concorrenza è legato anche (non solo ma anche) alla percentuale di scarti che vengono tolti dalla produzione perché non rispondenti agli standard minimi. Questi modelli vengono riconvertiti o distrutti e in ogni modo non escono mai per prendere strade secondarie, men che meno verso centri di rivendita conosciuti. Un marchio famoso, peraltro, non correrebbe mai il rischio di bruciarsi la propria reputazione distribuendo prodotti inferiori al livello giudicato accettabile. Quali sono allora le vere origini di queste dicerie? L\’inesperienza, come detto; escludiamo la malafede che si spiega da sola. Per quanto riguarda l\’inesperienza, si possono contraddire i sostenitori della teoria delle prime e delle seconde scelte con semplici argomentazioni statistiche: semplicemente il livello di montaggio di una serie di Spark (ma potremmo dire la stessa cosa di Minichamps, Trofeu, Ixo, Looskmart e qualsiasi altro produttore che va per la maggiore) non è sempre compatibile con le esigenze di ogni collezionista. E ogni collezionista ha anche manie differenti: chi guarda all\’assetto, chi ai peli nelle decals, chi alle incollature dei vetri, chi all\’allineamento dei fari. Raramente chi è maniaco di un aspetto, lo è per tutti gli altri. Esistono tante combinazioni quanti sono gli acquirenti, e già da questo ragionamento potrebbe essere abbastanza chiaro che il concetto stesso di \”prima scelta\” e di \”seconda scelta\” è qualcosa di parecchio indefinito. 

Ma poniamo che i criteri di giudizio siano più uniformi di quanto non lo siano in realtà: anche in questo caso possiamo tirare in ballo i numeri. Quando Pego era ancora uno dei distributori di Spark, mi capitava spesso di andare direttamente a Sesto Fiorentino a scegliere modelli da tenere o da rivendere. Là avevo la possibilità di visionare con tutta calma le scatole intere (da dodici pezzi, mi pare) che arrivano direttamente dall\’importatore. Ebbene, su dodici modelli, di veramente perfetti (o quasi) ce n\’erano al massimo un paio. 



Cinque erano invece decenti, mentre altri cinque avevano difetti per me non accettabili: decals posizionate storte, sbaffi di vernice, cornici dei vetri montati in modo impreciso… 

Dalla Pego allora, ma da Mix Diffusion o dal distributore tedesco oggi, partono centinaia di modelli verso tutta Europa: negozi fisici, rivendite on-line e via dicendo. Ancora oggi mi capita di ricevere da Mix tre o quattro esemplari dello stesso modello e i risultati dell\’osservazione di decine di casi sono più o meno le stesse: un modello eccellente, uno accettabile, magari due con difetti che sono qualche collezionista di bocca buona o non troppo attento (e ce ne sono, in giro) potrebbe tollerare senza batter ciglio. 

Il rischio per un collezionista un minimo più esigente di imbattersi in un modello per lui poco buono resta alto e in base alle sue personali esperienze sarà portato a trarre conclusioni che partono da premesse verosimili (non oggettive), quindi solo apparentemente logiche. Chi abbia un minimo frequentato la letteratura classica, dalla Retorica di Aristotele ad altri trattati simili sa bene di cosa sto parlando. 

A volte i produttori organizzano vendite speciali per i loro rivenditori, ma si tratta quasi sempre di modelli di cinque, sette o dieci anni fa che hanno la necessità di sgombrare dai magazzini perché non interessano più a nessuno. Oppure, se la merce è davvero fallata, lo dichiarano esplicitamente, come fa BBR con il proprio outlet oppure come faceva Minichamps alla borsa di Aachen. Attenzione, però, perché in questi casi non si tratta di modelli difettosi in origine, ma piuttosto di pezzi utilizzati per mostre o per campionari, oppure leggermente danneggiati, fosse anche solo nelle confezioni. 

La leggenda delle seconde scelte circola a proposito dei rivenditori più vari, dai meglio conosciuti ai meno noti. E naturalmente la possibilità di parola data oggi da un social come Facebook ha amplificato a dismisura la quantità di castronerie che ci tocca leggere ogni santo giorno. 

10 pensieri riguardo “La leggenda metropolitana delle seconde scelte: un tentativo di spiegazione

  1. Buongiorno David,L'argomento è complesso e sono completamente d'accordo con le tue conclusioni. Che non sono, se vogliamo, molto gratificanti per Spark.Non riuscire a mantenere lo stesso standard di montaggio e pulizia per tutta la produzione è grave.Be'…Comunque, fino ad una ventina d'anni fa, tramite eBay, era possibile acquistare dei modelli preserie di Minichamps, con decorazioni incomplete, me ne sono passati diversi tra le mani, in occasione di una borsa.Non è quindi una leggenda metropolitana. E non è neanche una leggenda metropolitana che il magazziniere di un'azienda, di cui sono stato agente, azienda molto nota nel suo settore, alleggerisse gli scatoloni in spedizione, per poi rivendere il materiale in nero.Capita, con buona pace di Aristotele. Visti però i passaggi a cui sono sottoposti i nostri modelli, ritengo questa pratica assai improbabile. A.M.

    "Mi piace"

  2. Alfonso, di modelli \”strani\” ne ho visti parecchi anch'io, ma qui il discorso è diverso ed era incentrato soprattutto sugli Spark. Il ragionamento di quelli che credono alle seconde scelte non è basato su esperienze tipo quelle che citi tu, ma nasce dalla convinzione che Spark o altri produttori buttino scientemente sul mercato decine di modelli scadenti con la complicità di distributori e rivenditori, il che è completamente falso. Nelle serie limitate, ad esempio, tutti i 300, 400 o 500 modelli (o quelli che sono) sono quelli della produzione approvata e non possono esserci cose strane. Io stesso, a volte, ho ricevuto modelli da Mix delle serie limitate che portavano numeri di serie vicini, con le stesse differenze di qualità che ho citato nel testo dell'articolo. Ovviamente anche il caso della rivendita di materiale in nero non è certo un esempio isolato, e nel nostro ambito è successo a marchi in vista, che hanno subito diversi danni dal sistema-colabrodo cinese, impossibile da controllare al cento per cento a meno di non stare tutto il tempo laggiù col fucile spianato. Quello che volevo dire non è che non esistano modelli di scarto che in qualche modo riescono a raggiungere il mercato; volevo invece dire che non sono negozi come CK-Modelcars, Carmodel, Cartima o Raceland, tanto per citarne alcuni, a vendere questo genere di prodotti. Non è loro interesse farlo, tantomeno è interesse dei distributori. L'esempio di Aristotele si applica a molti (s)ragionamenti che dobbiamo sorbirci su Facebook: segno della diffusione ormai globale della volgarizzazione e dell'uso strumentale del pensiero debole. E anche questa non è una bella notizia.

    "Mi piace"

  3. Ho una mia opinione che, per diversi motivi, non rendo pubblica. Corroborata da fatti. Spark ha una buona percentuale di modelli scartati. Molti sono buttati via, altri sono i resi dai commercianti. Cosa accade dei resi, è facilmente comprensibile.

    "Mi piace"

  4. Buongiorno David,L'argomento è complesso e sono completamente d'accordo con le tue conclusioni. Che non sono, se vogliamo, molto gratificanti per Spark.Non riuscire a mantenere lo stesso standard di montaggio e pulizia per tutta la produzione è grave.Be'…Comunque, fino ad una ventina d'anni fa, tramite eBay, era possibile acquistare dei modelli preserie di Minichamps, con decorazioni incomplete, me ne sono passati diversi tra le mani, in occasione di una borsa.Non è quindi una leggenda metropolitana. E non è neanche una leggenda metropolitana che il magazziniere di un'azienda, di cui sono stato agente, azienda molto nota nel suo settore, alleggerisse gli scatoloni in spedizione, per poi rivendere il materiale in nero.Capita, con buona pace di Aristotele. Visti però i passaggi a cui sono sottoposti i nostri modelli, ritengo questa pratica assai improbabile. A.M.

    "Mi piace"

  5. Alfonso, di modelli \”strani\” ne ho visti parecchi anch'io, ma qui il discorso è diverso ed era incentrato soprattutto sugli Spark. Il ragionamento di quelli che credono alle seconde scelte non è basato su esperienze tipo quelle che citi tu, ma nasce dalla convinzione che Spark o altri produttori buttino scientemente sul mercato decine di modelli scadenti con la complicità di distributori e rivenditori, il che è completamente falso. Nelle serie limitate, ad esempio, tutti i 300, 400 o 500 modelli (o quelli che sono) sono quelli della produzione approvata e non possono esserci cose strane. Io stesso, a volte, ho ricevuto modelli da Mix delle serie limitate che portavano numeri di serie vicini, con le stesse differenze di qualità che ho citato nel testo dell'articolo. Ovviamente anche il caso della rivendita di materiale in nero non è certo un esempio isolato, e nel nostro ambito è successo a marchi in vista, che hanno subito diversi danni dal sistema-colabrodo cinese, impossibile da controllare al cento per cento a meno di non stare tutto il tempo laggiù col fucile spianato. Quello che volevo dire non è che non esistano modelli di scarto che in qualche modo riescono a raggiungere il mercato; volevo invece dire che non sono negozi come CK-Modelcars, Carmodel, Cartima o Raceland, tanto per citarne alcuni, a vendere questo genere di prodotti. Non è loro interesse farlo, tantomeno è interesse dei distributori. L'esempio di Aristotele si applica a molti (s)ragionamenti che dobbiamo sorbirci su Facebook: segno della diffusione ormai globale della volgarizzazione e dell'uso strumentale del pensiero debole. E anche questa non è una bella notizia.

    "Mi piace"

  6. Ho una mia opinione che, per diversi motivi, non rendo pubblica. Corroborata da fatti. Spark ha una buona percentuale di modelli scartati. Molti sono buttati via, altri sono i resi dai commercianti. Cosa accade dei resi, è facilmente comprensibile.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: