Il Salone di Ginevra slitta al 2023

Prima il covid nel 2020 e nel 2021, poi le conseguenze dirette e indirette del covid stesso sulla produzione di autoveicoli: il Salone di Ginevra sembra entrato in una spirale difficile da controllare e l’edizione 2022, che era stata annunciata poche settimane fa, è stata eliminata dal calendario. Se ne riparla, dicono gli organizzatori, nel 2023. Le restrizioni ancora in atto in materia di spostamenti fra un continente e l’altro e i problemi di produzione, come la scarsità dei semiconduttori, hanno praticamente imposto uno stop per il 2022. In realtà ben difficilmente rivedremo un salone come eravamo abituati a vedere prima del 2020. La pandemia ha accelerato impietosamente alcune tendenze già in essere, mettendo in discussione il ruolo attuale di manifestazioni come i saloni generalisti dell’auto. E non è solo un discorso di costi legati all’evento: l’organizzatore aveva già compiuto lo sforzo di proporre spazi gratuiti per attirare il maggior numero di partecipanti. La realtà è che tutto il mondo dell’automotive versa in una crisi sistemica cui peraltro si cerca di far fronte percorrendo strade tutt’altro che risolutive, come l’elettrificazione. Il Salone di Ginevra, che si riciclerà forse in Medio Oriente, in Europa è clinicamente morto e la notizia della sua cancellazione nel 2022 sorprenderà solo i più disattenti.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: