Dinamico, quasi statico: modelli slot da collezione?

I modelli slot hanno ormai una lunga storia alle spalle e non mancano esemplari molto rari e quotati, soprattutto se in condizioni pari al nuovo con scatola. Essi sono collezionati come si può collezionare un Dinky o un Corgi. Alcuni esemplari raggiungono prezzi elevati e a prescindere dalla loro natura statica o dinamica, vengono ricercati per la loro rarità in quanto oggetti d\’epoca. Ma nel caso delle moderne slot, quelle iperdettagliate prodotte da case come BRM o Le Mans Miniatures, ha senso la scelta di collezionare tali modelli come se si trattasse in tutto e per tutto di modelli statici? La risposta naturalmente dipende dai gusti e dalle scelte di ogni singolo collezionista. Alcuni dicono che non ha senso conservare intatti modelli destinati a girare sulle piste, altri si lasciano invece sedurre dalla ricchezza dei dettagli e dalla sempre maggiore cura generale di queste riproduzioni in scala 1:32, ma anche in 1:24.

Il fenomeno non è neanche recentissimo: già marche come Fly, alla fine degli anni novanta, avevano iniziato a suscitare interesse per la qualità delle loro realizzazioni. Successivamente, l\’avvento della resina anche per gli slot, ne ha fatto delle vere e proprie repliche fedeli dell\’originale, forse non al livello di uno Spark in 1:43 o in 1:18 ma certo con caratteristiche che possono attirare l\’attenzione del collezionista di modelli statici. Abbiamo avuto l\’occasione di maneggiare un paio di questi modelli, prodotti in 1:32 da Le Mans Miniatures e dobbiamo dire che l\’impressione generale è davvero ottima. 

Le finiture sono di alto livello e i dettagli sono realizzati con le stesse tecniche viste sui normali resincast. Oltretutto la meccanica sotto al modello è ben nascosta, anche grazie a una confezione concepita ad hoc: specie nel caso delle sport-prototipo e di altre auto da competizione, che sono basse, il pick up non si nota per niente e si ha davvero l\’impressione di trovarci di fronte a un modello statico. Il pilota, obbligatorio su una slot, è spesso realizzato in modo fedele, con dettagli precisi e storicamente attendibili. Osservando certi pezzi si capisce come alcuni collezionisti abbiano ceduto al fascino di questi slot. 

I produttori stanno moltiplicando la loro offerta, attingendo a piene mani all\’amplissimo serbatoio del passato ma anche dell\’attualità. Ecco, a titolo di esempio, l\’Alpine-Renault A442 di Le Mans 1977 e la Matra MS650 di Le Mans 1969, prodotte in Cina da Le Mans Miniatures. Abbiamo cercato di mettere in evidenza nelle foto alcuni dettagli particolarmente importanti per comprendere il livello di questi modelli, che normalmente non vengono pubblicate sui siti ufficiali e nelle riviste. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: