Alpine-Renault A442 300km Nürburgring 1976 Patrick Depailler

Nel 1976 l’Alpine-Renault, che era tornata alle gare sport nel corso della stagione 1973, era ormai una squadra matura, in grado di puntare in modo deciso all’obiettivo precipuo dell’intero programma, la 24 Ore di Le Mans. La A442 del 1976 era una vettura ben progettata, con un’affidabilità ormai soddisfacente, almeno per le gare più corte.

In quella stagione ’76, la Federazione Internazionale divise il Campionato del mondo in due tronconi: da una parte il Mondiale Sport con gare sprint per il Gruppo 6, dall’altra il Mondiale Silhouette per le auto del nuovo Gruppo 5, affiancate dalle GT di Gruppo 4 e da altri concorrenti più o meno occasionali.

Alla 300km del Nürburgring, prima prova del Mondiale Sport, l’Alpine-Renault schierò due esemplari della A442 con specifiche 1976, per Patrick Depailler (numero 2) e Jean-Pierre Jabouille (numero 3). Come andò, fa parte ormai della storia delle clamorose gaffe automobilistiche: Depailler, che aveva segnato la pole, e Jabouille, partito col terzo tempo, si eliminarono con un pazzesco botto alla prima curva. Reinhold Joest, con la Porsche 908/3 Turbo, ringraziò, andandosi a prendere una forse inattesa vittoria. Rolf Stommelen, con la debuttante Porsche 936 verniciata in un curioso color nero opaco, dovette accontentarsi della quinta posizione, dopo aver registrato il secondo miglior tempo in prova.

Spark, che ormai diversi anni fa aveva riprodotto la A442 1976 in versione Le Mans (S1551) esce ora con la riproduzione della vettura di Depailler al Nürburgring. Sinceramente, più che le infinite varianti delle GT3 della 24 Ore del Nürburgring e di Spa che i cacciatori di santi Graal sbandierano su Facebook, sono questi gli Spark che amo, perché mi ricordano i vecchi kit montati.

La A442 di Spark, perfettamente rifinita (è montata in Cina, non in Madagascar) è un modello interessante dal punto di vista storico, e c’è da attendersi prima o poi l’uscita della vettura di Jabouille, che si differenziava da quella di Depailler per i segni di riconoscimento rossi anziché verdi.

La resa della verniciatura tricolore gialla-bianca-nera è eccellente: il modello è bianco e giallo con la parte nera opaca resa in decals. Quando Spark ci si mette, da questo punto di vista non ce n’è per nessuno.

Il resto è corretto e gradevole. Nulla è fuori posto. Ruote, spoiler posteriore, abitacolo, rollbar, assetto: ottima resa per tutti i dettagli fondamentali e anche di più. A proposito dell’abitacolo, le cinture sono in fotoincisione (le decals per le cinture sui modelli aperti sono un ricordo di anni ormai lontani). Il cruscotto ha la riproduzione in decals della strumentazione. Molto bella la riproduzione delle parti visibili della scocca, in un alluminio opaco e della giusta tonalità che affascina i nostalgici di quei montaggi sobri ma precisi stile anni ottanta-novanta che all’epoca pagavi duecentomila lire.

Molto ben fatta l’ala posteriore, composta da elementi in resina e in fotoincisione. I cerchi sono molto sobri e personalmente li avrei visti meglio in grigio scuro piuttosto che neri. La scritta Elf anteriore avrebbe potuto avere le lettere leggermente più fini. Per il resto, il modello offre solo soddisfazione al collezionista. Posteriormente sono riprodotti i fanalini e qualche particolare della meccanica visibile fra i pannelli della coda: tubo di scarico, elementi del telaio, radiatore, cavetti.

Forse questo modello non diverrà mai raro e non farete un “investimento” ad acquistarlo. Investimento dal punto di vista economico, sia chiaro. Del resto, a mio parere, nessun modello, neanche il più raro, costituisce un investimento sicuro, tante sono le incognite legate alla domanda a lunga scadenza. Questo si sa. Ma se dai modelli cercate altro, e vi appassionano le cose ben fatte, l’Alpine A442 di Spark potrà entrare con pieni diritti nella vostra collezione dalla porta principale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: