Con Spark vi sentite al sicuro?

Non molto tempo fa PLIT aveva pubblicato alcune immagini di modelli Spark 1:43 della collezione di Alessio Casalini, sui quali era evidente una reazione chimica sui cerchi. Avendo l’opportunità di girare parecchio, la redazione di PLIT fa sempre attenzione presso borse, gare, eventi e altre manifestazioni per monitorare la condizione di modelli più vecchi, usciti cinque o dieci anni fa. Ebbene non è che ci sia da stare del tutto tranquilli: queste immagini, scattate a Sebring oggi, mostrano alcuni modelli dove il degrado dei cerchi è abbastanza evidente. Si tratta sia di cerchi cromati sia di quelli verniciati in alluminio semiopaco. Le conclusioni traetele voi lettori. Noi intanto, immaginiamo che una volta che Spark sarà passata definitivamente in altre mani (ossia Schuco), chi avrà avuto avrà avuto e chi avrà dato avrà dato. Viene da pensare a quelli che si sono riempiti la casa di modelli come questi. A parte coloro che si ostinano a pensare che i loro pezzi siano perfetti sempre e comunque (il dogma è una bella cosa), altri collezionisti più accorti e scrupolosi stanno già iniziando a farsi due conti in tasca e a pianificare qualche strategia di uscita.

4 pensieri riguardo “Con Spark vi sentite al sicuro?

  1. I cerchi, nei modellini Spark, sono la parte meno riuscita, a volte sono semplicemente brutti, altre volte hanno dimensioni completamente sbagliate.
    A questo si aggiunge poi la scarsa tenuta nel tempo e la frittata è fatta.
    Gli amanti del modello storicamente perfetto, mettendo in secondo piano l’originalità dei modelli, sostituiscono i cerchi con referenze aftermarket, certo non è una scelta molto “economica”.

    "Mi piace"

    1. Alfonso è vero, ma non sempre è possibile o agevole, senza contare che c’è chi compra gli Spark per conservarli così come sono. La soluzione radicale è comprare solo speciali o obsoleti ma mi rendo conto che è una soluzione destinata a soddisfare una percentuale minima di collezionisti. Su uno speciale intervieni sempre, e anche con una buona possibilità di preservarne l’originalità quando questo sia un parametro necessario.

      "Mi piace"

  2. Io sono fortunato perché sugli Spark e sui resin/diecast in genere intervengo tranquillamente, l’originalità del modello m’interessa pochissimo (salvo eccezioni). Forse la soluzione migliore è quella di ricorrere agli speciali, in effetti, anche se è ben poco economica. Tra diecast e speciali io scelgo quasi sempre i secondi, ovviamente se sono disponibili dei kit validi…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: